Perché russiamo?

Il russamento si verifica quando il respiro è ostacolato. Ciò può essere provocato da un raffreddore o da un’irregolarità anatomica nel naso o nella gola. Tuttavia, la causa più comune del russamento è il fatto che i muscoli della gola e quelli circostanti si rilassano troppo quando dormiamo.

Perché russiamo?

Il russamento si verifica quando il respiro è ostacolato. Ciò può essere provocato da un raffreddore o da un’irregolarità anatomica nel naso o nella gola. Tuttavia, la causa più comune del russamento è il fatto che i muscoli della gola e quelli circostanti si rilassano troppo quando dormiamo. Questo significa che l’apertura della gola si restringe e l’aria fatica a passare. Poiché è necessario che i polmoni siano raggiunti sempre dalla stessa quantità d’aria, la velocità di aspirazione della medesima aumenta. La pressione nella gola si 4 intensifica e l’ugola e il palato molle cominciano a vibrare. Il rumore prodotto da queste vibrazioni si definisce russamento. Pertanto, il russamento è segno di un disturbo della respirazione durante il sonno. Più il russamento è forte, più stretta è l’apertura nella gola.

Russare è comune?

Sì. Russare è un fenomeno comune che è esistito fin da quando è esistito il sonno. I calcoli riguardanti la frequenza del russamento mostrano che è così comune che russa quasi una persona ogni due case. Gli uomini russano di più delle donne, ma questa differenza viene pareggiata con il passare degli anni.

Russare può disturbare una buona nottata di sonno!

Quando si russa, il respiro diventa irregolare. Durante il sonno, ciò può provocare una pausa nella respirazione. Tali pause possono durare fino a 10 secondi e si possono ripetere molte volte durante la notte. Potete non accorgervi di queste pause, ma il vostro sonno è stato disturbato. Questo significa che il vostro corpo non ottiene il riposo di cui ha bisogno; il risultato è che siete stanchi quando vi svegliate, il che non fa bene alla vostra salute. Le ricerche dimostrano che coloro che russano corrono molti più rischi di soffrire di varie malattie come pressione alta, coronaropatia ed emorragia cerebrale.